visite

Tot. visite contenuti : 163173

Psicologa Psicoterapeuta Francesca Mulas

 

 

Benvenuti nel sito della Dottoressa Francesca Maria Grazia Mulas, da questo sito potrai ricevere varie informazioni accessibili dal menù superiore.




"Si può capire un bambino che ha paura del buio

La vera tragedia della vita è quando gli adulti hanno paura della luce"

-Platone-

 

Home Ricordati di te

Ricordati di te

L'impegno non è impegnarsi con l'altro/a con un contratto formale come il matrimonio o qualsiasi altra società.

Questi sono impegni che riguardano e ci possono coinvolgere solo in parte. Ci possono coinvolgere solamente a livello mentale ( società di lavoro) oppure emotivo e sentimentale o solamente sessuale.

Il vero impegno è quello prima di tutto preso con se stessi: l'impegno di conoscersi a fondo e riuscire ad armonizzare le varie parti di noi stessi.

In seconda battuta si può e di conseguenza si deve considerare l'impegno con l'altro/a. Cosa che risulta impossibile quando non si è iniziato il percorso di conoscenza con se stessi.

Avere una relazione non significa aver preso un vero impegno. Avere un matrimonio che dura anni, non significa aver preso un impegno nel vero senso della parola. Tante persone restano sposate per svariati motivi ma questo non vuole dire che siano impegnate, nè con se stesse nè col partner. Moltissimi matrimoni vanno avanti per convenienza economica o per convenienza affettiva ( paura di restare soli) e questa è semplicemente una presa in giro di se stessi. Se non si riesce a stare da soli perché la solitudine fa paura, tantomeno si riuscirà a conoscere ed impegnarsi con un'altra persona.


Impegnarsi con un'altra persona vuol dire condividere la conoscenza e aiutarsi a crescere insieme. Tanti ora staranno tirando un sospiro di sollievo dicendosi: "ohhh....ma noi ci aiutiamo a crescere".

Ma cosa vuol dire crescere? Vuol dire avere il coraggio di esplorare i lati più nascosti, quelli di cui abbiamo paura ad ammettere persino a noi stessi!

Quante relazioni ci sono che fanno un percorso di conoscenza così profondo? Poche, molto poche. Per questo diventa sempre più difficile stare in coppia e i divorzi aumentano in maniera esponenziale. Nel passato i matrimoni reggevano su basi di convenienza e nei casi più fortunato su una base di affetto. Ma attualmente l'indipendenza economica e affettiva della donne sta smascherando questi presupposti.

Non sto dicendo che il divorzio sia la strada migliore, nè che sia meglio restare insieme a qualsiasi costo. Non ragiono in termini di giusto o sbagliato.

Invito, solo, a riflettere su un grande equivoco, causa di tanti dolori.

Se non si è in equilibrio con se stessi non si possono prendere impegni con altre persone perchè prima o poi verranno disattesi: ci si deluderà reciprocamente o a senso unico.

Se una persona ha preso un vero impegno con se stessa sarà molto difficile che si impegnerà con persone che non abbiano il suo stesso livello di consapevolezza e in questo modo si proteggerà da relazioni di convenienza o da delusioni. Prevenire è meglio che curare: la migliore prevenzione, per evitare di ammalarsi di infelicità,  è l'impegno con se stessi che si estenderà naturalmente anche agli altri.

Possiamo amare gli altri solo quanto saremo riusciti ad amare noi stessi. E se l'amore è conoscenza e verità ( e lo è ), conoscere noi stessi significa amare noi stessi e viceversa.

Amare un altro significa volerlo conoscere come abbiamo conosciuto noi stessi.

Aggiungi commento

E' severamente vietato utilizzare un linguaggio scurrile, bestemmie e/o insulti di qualunque genere.

Codice di sicurezza
Aggiorna