visite

Tot. visite contenuti : 163145

Psicologa Psicoterapeuta Francesca Mulas

 

 

Benvenuti nel sito della Dottoressa Francesca Maria Grazia Mulas, da questo sito potrai ricevere varie informazioni accessibili dal menù superiore.




"Si può capire un bambino che ha paura del buio

La vera tragedia della vita è quando gli adulti hanno paura della luce"

-Platone-

 

Il treno

Perchè non riusciamo a fare “miracoli”, creando la vita che vorremmo?

Dagli studi sulla coscienza è emerso che l'incremento del livello di coscienza nella popolazione mondiale è appena superiore ai 5 punti nell'arco della vita.

Correlate ai milioni di esperienze che facciamo, le lezioni che ne ricaviamo sono davvero molto poche, visto il così misero incremento di coscienza.

In effetti la maggior parte delle persone sarebbero disposte a morire piuttosto che cambiare i loro sistemi di credenze a cui si aggrappano tenacemente, spesso senza averne dei riscontri.

La mente nega tutto ciò che non pensa per proteggere la sua supposta correttezza.

 

 

Ma la mente non fa esperienza del mondo, ma solo dei dati sensoriali relativi al mondo. E i dati sensoriali possono essere differenti da individuo ad individuo a seconda di vari fattori come l'età, la cultura, lo status sociale.

Un esempio lampante di ciò è quello dei testimoni che, assistendo allo stesso evento lo descrivono in maniera talmente differente da sembrare non essere lo stesso evento.

Ciò dipende dai dettagli che per i vari soggetti possono avere rilevanza diversa e di conseguenza diversi dettagli vengono percepiti e processati dal cervello con priorità differenti, alterandone il risultato e l'interpretazione finale.

Uno stesso individuo può intepretare in maniera differente una stessa esperienza a seconda dell'età in cui esperisce, a seconda dello stato d'animo che prova al momento e anche a seconda dello stato fisico (salute/malattia- stanco o riposato ecc).

Un sistema di pensiero, un paradigma o una teoria potrà sembrarci giusta e insindacabile in una fase della nostra vita ma potrà essere sostituita a tempo debito da un altro modello più interessante.

Spesso in cambiamenti più evidenti della coscienza si producono spontaneamente quando la mente si trova davanti ad un paradosso o ad una fase della vita particolarmente dolorosa ( quando si tocca il fondo), perchè gli schemi esistenti, risultando non più validi per affrontare la nuova situazione, si rompono e devono essere sostituiti da schemi nuovi, più adeguati e funzionali.

Quando non si riesce a formare nuovi schemi si sperimenta il senso di impotenza che può portare alla malattia, fisica o psichica.

Quando invece si riesce a cambiare gli schemi di riferimento, ciò che ad un livello poteva apparire come importante o eccitante , ad un altro livello può apparire come noioso o disgustoso.

Ciò che prima ci poteva divertire ( come certi programmi che gravitano attorno al sensazionalismo emozionale e quindi attorno alla violenza ), ad un livello differente diventano per l'anima un cibo spazzatura.

La nostra consapevolezza viaggia nella vita come un treno di cui la nostra percezione né è il passeggero: il viaggiatore vede il paesaggio dispiegarsi davanti a lui. Ma dire che il paesaggio si dispiega davanti ai suoi occhi è solo una figura del linguaggio: in realtà niente si dispiega, è solo il suo apparato percettivo che si muove insieme al treno della consapevolezza. Tutto quello che vorremmo creare esiste già.

Dobbiamo solo raggiungerlo.

Cambiando livello.

Alla stazione successiva.

Aggiungi commento

E' severamente vietato utilizzare un linguaggio scurrile, bestemmie e/o insulti di qualunque genere.

Codice di sicurezza
Aggiorna