visite

Tot. visite contenuti : 163153

Psicologa Psicoterapeuta Francesca Mulas

 

 

Benvenuti nel sito della Dottoressa Francesca Maria Grazia Mulas, da questo sito potrai ricevere varie informazioni accessibili dal menù superiore.




"Si può capire un bambino che ha paura del buio

La vera tragedia della vita è quando gli adulti hanno paura della luce"

-Platone-

 

Il seme

“Capita sempre a me!” E' una frase che almeno una volta nella vita ci siamo ripetuti tutti, con l'intenzione di attribuire la responsabilità a qualcuno o addirittura a forze invisibili come “la sfiga”. Eveni o situazioni che si ripetono senza che una causa apparente, sentendoci oggetti di una beffa del “destino”.

Una visione vittimistica che deriva dalla personalità infantile che non vuole crescere.

Restare tuttavia prigionieri della personalità infantile, che si maschera abilmente, è rinunciare a diventare artefici della propria vita.

Non sto negando che realmente qualcuno o qualcosa ci possa causare dolore, ma se nella nostra vita l'insoddisfazione e la sofferenza la fanno da protagoniste, la causa va ricercata all'interno dei nostri schemi mentali.

Le situazioni e le persone “ci toccano” solo se dentro di noi è già presente lo schema di riferimento.

Un seme non può crescere se non trova il terreno adatto.

Se dentro di me non c'è il rancore, niente e nessuno avrà il potere di farmelo provare; se dentro di me non c'è carenza di autostima, niente e nessuno potrà farmi sentire inferiore. Si potrebbero fare infiniti esempi.

Tutto quello che viviamo ha un significato, che se accolto e interpretato diventa fonte di crescita.

Le emozioni negative, i periodi bui della vita, le delusioni e le sofferenze non sono mai gratuite: sono, invece, aiuti che la vita ci offre per diventare “grandi”.

Il segreto sta nel cambiare punto di vista: anziché continuare ad attribuire responsabilità all'esterno, bisogna portare l'attenzione a cosa emerge dal profondo della nostra mente con la consapevolezza di essere parte attiva della creazione delle situazioni.

Tutto quello che non ci appartiene non potrà mai manifestarsi, semplicemente perchè non inneschiamo la causa, nemmeno inconsapevolmente.

Come diceva Jung: “ Tutto quello che resta inconscio diventa destino”.

Allora come il contadino prepara il terreno perchè accolga i nuovi semi, arando e bonificando, noi dobbiamo preparare la nostra mente ad accogliere le esperienze della vita che vorremmo vivere

Aggiungi commento

E' severamente vietato utilizzare un linguaggio scurrile, bestemmie e/o insulti di qualunque genere.

Codice di sicurezza
Aggiorna